7 info-grafiche della BBC per spiegare il problema dell’inquinamento causato plastica

Molti ancora sottovalutano quanto sia attuale e ingente l’inquinamento causato dalla plastica.
Milioni di tonnellate di plastica finiscono nel mare ogni anno. “Una crisi planetaria che sta rovinando l’ecosistema dell’oceano” ha tuonato qualche giorno fa il capo dell’ONU delle Nazioni Unite, Lisa Svensson.
Come è possibile che si sia arrivati a questo punto? Che danni causa la plastica? Chi è più a rischio?

La BBC in un recente articolo descrive tutto in 7 info grafiche.

Perché la plastica è un problema?

La plastica è una invenzione che meno di 70 anni. Da quando è iniziata la produzione ha creato prodotti e trasformato le abitudini del genere umano.
Da un punto di vista industriale è un prodotto eccellente perché economico e duraturo.
Tutta la plastica mai creata esiste ancora oggi in qualche forma.
Ti sei mai chiesto quanta plastica c’è?

A luglio 2017 in un articolo pubblicato sulla rivista Science Advances  ha calcolato il totale di tutta la plastica mai prodotta: 8,3 miliardi di tonnellate che corrisponde ovvero  1,1 tonnellata per essere umano vivente; più 1.100 kg a persona oggi sul pianeta. L’80% di questo mare di plastica è oggi rifiuto, disperso nell’ambiente non più recuperabile.

480 miliardi di bottiglie di plastica in un anno.

Le bottiglie di plastica sono uno dei tipi più comuni di rifiuti di plastica. Nel 2016 sono state vendute globalmente circa 480 miliardi di bottiglie di plastica – un milione di bottiglie al minuto.
Di questi, 110 miliardi sono stati realizzati da bevande giganti di Coca Cola.

Ridurre il consumo di bottiglie di plastica è necessario. Non a caso si stano introducendo sistemi di vuoto a rendere per ridurre i consumi e stimolare il riutilizzo.

Plastica in mare. Quanta ne finisce ogni anno?

Molto probabilmente più di 10 milioni di tonnellate di plastica finiscono ogni anno in mare.
Si parla di stime e la più recente è del 2010 con 8 milioni di tonnellate e una previsione fino a 9,1 milioni di tonnellate entro il 2015.

Negli oceani si formano vere e proprie isole di plastica grazie alla presenza dei vortici degli oceani.
5 vortici nel mondo alimentati da detriti galleggianti che impiegano anche sei anni per raggiungere l’isola.

La plastica è incredibilmente resistente il che implica che la maggior parte delle materie plastiche impiegheranno centinaia di anni per biodegradarsi.

Cosa c’è nelle spiagge del Regno Unito?

718 pezzi ogni 100 metri di spiaggia rilevata. Un aumento del 10% rispetto all’anno scorso.

I rifiuti di cibo e bevande sono almeno il 20% di tutti i rifiuti raccolti. L’origine di molti dei rifiuti è difficile da rintracciare, ma il pubblico contribuisce circa al 30%. “I detriti correlati alle acque reflue” o gli oggetti scaricati nei servizi igienici che avrebbero dovuto essere messi nel cestino, ammontavano a circa l’8,5%.

Da dove vien la plastica?

La plastica sta uccidendo gli abitanti del mare

La plastica può uccidere uccelli, foche, delfini e tartarughe. Gli animali possono infatti essere intrappolati dalla plastica oppure possono confonderla con cibo e soffocare.

Ad esempio, le tartarughe marine non sanno distinguere tra una gustosa medusa e un sacchetto di plastica. Se ingerito il sacchetto di plastica causa blocchi interni e la morte dell’animale.

La plastica più dura può essere fatale. Infatti, pezzi di plastica possono causare danni allo stomaco e di uccelli e balene.

Purtroppo, anche la degradazione dalla plastica preoccupa sempre di più la comunità scientifica.

La presenza di microplastiche è sempre più evidente nei pesci. È causa di malnutrizione o inedia per il pesce e causare fa sì che la plastica venga ingerita dall’uomo attraverso la catena alimentare.

Non sono ancora conosciuti gli effetti sull’uomo di pesce contaminato da microplastica.

Articolo originale prodotto da Alison Trowsdale, Tom Housden e Becca Meier. Design di Sue Bridge e Joy Roxas.

Basterebbe bere acqua del rubinetto per ridurre la nostra impronta ecologica. Noi di A2D Analisi Acqua a Domicilio offriamo un servizio che va proprio in questa direzione.

Articolo originale BBC: http://www.bbc.com/news/science-environment-42264788

Immagini

https://ichef-1.bbci.co.uk/news/624/cpsprodpb/7BB1/production/_99156613_plastic_planet_1_640-nc.png

https://ichef-1.bbci.co.uk/news/624/cpsprodpb/3179/production/_99156621_plastic_planet_4_640-nc.png

https://ichef-1.bbci.co.uk/news/624/cpsprodpb/F0E1/production/_99156616_plastic_planet_2_640-nc.png

https://ichef-1.bbci.co.uk/news/624/cpsprodpb/117F1/production/_99156617_plastic_planet_3_640-nc.png

https://ichef-1.bbci.co.uk/news/624/cpsprodpb/5889/production/_99156622_plastic_planet_6_640-nc.png

https://ichef.bbci.co.uk/news/624/cpsprodpb/9065/production/_99156963_plastic_planet_7_640-nc.png

https://ichef-1.bbci.co.uk/news/624/cpsprodpb/B775/production/_99156964_plastic_planet_5_640-nc.png

2017-12-24T09:59:34+00:00